martedì 18 febbraio 2014

Coppia messicana chiama il figlio Facebook, per fortuna il governo si oppone

A Sonora in Messico una giovane coppia ha tentato di iscrivere il proprio figlio all’anagrafe con il nome di Facebook. Fortunatamente nel paese centro americano esiste una legge che vieta di assegnare certi nomi alle persone, e così il bambino è stato iscritto con un nome più normale.

Ricerca di originalità a tutti costi? Demenza allo stato puro? Incoscienza totale? Cosa muova i genitori nella scelta dei nomi per i propri figli è talvolta assolutamente incomprensibile.

Soprattutto se si pensa al fatto che i bambini, prima o poi, diventeranno grandi e ceri nomi dovranno tirarseli dietro.

Tempo fa conobbi una bellissima ragazza che si chiamava Svetlana, le chiesi se fosse di origini russe e lei mi rispose, “no ho avuto genitori deficienti”.

Se si pensa che Svetlana è un nome quasi normale, chissà cosa potrà dire dei propri genitori un poverino costretto a chiamarsi Facebok!


IL governo messicano ha comunque prodotto un decreto d’urgenza con il quale vengono vietati i nomi di Facebook, Yahoo, Rambo, Batman, Terminator e altri di questo tenore.